Syndication

lunedì 20 marzo 2017

Domenica 26 Marzo “Sesto Calende Città della Salute”


Carissimi,siamo stati invitati come Associazione Italiana Elettrosensibili all'evento Sesto Calende  città della salute, domenica 26 marzo. Sarà un'intera giornata dedicata a tematiche inerenti l'ambito della salute (entra nel sito www.lacittainsalute.it e clicca sulla 4a pagina sotto nella barra). Avremo spazio per una relazione dedicata all'elettrosensibilità ( sala consiliare del comune ore 15:45, Paolo Orio e Nunzia Difonte) + Gazebo in una piazza della città che presidieremo con Sergio Crippa, Ilaria ed altri elettrosensibili che vorranno aggiungersi.

Inutile ribadire che è un'importante occasione per far conoscere la nostra realtà ai più.
Il giornale la Provincia dedicherà un'intero inserto all'iniziativa domani..

domenica 19 marzo 2017

altro articolo di promozione del LiFi

nella rivista inglese  http://www.dailymail.co.uk/sciencetech/article-4324694/End-wifi-woes-Infrared-100-times-faster.html   si riparla  delle possibilità offerta da questa tecnologia che potrebbe sbaragliare il Wifi:  è basata su frequenze molto più 'alte' ovvero nell'area dell'infrarosso, frequenze pari a THz.

C'è anche un video che spiega come si può trasmettere in un contesto di ufficio dati con una velocità molto più alta ed una sicurezza (DEI DATI) MIGLIORE DEL WIFI.



CI si pone il quesito sulla sicurezza per il nostro organismo.
Ancora una volta, si sta continuando nella storia del genere umano ad introdurre  nuove tecnologie per verificare, dopo, se fanno male.

California: il Giudice impone al governo di rendere pubbliche le valutazioni sul rischio radiofrequenze

Interessante vertenza che ha visto come attore l'ottimo ricercatore e giornalista Joel Moskowitz che ha richiesto la pubblicizzazione di uno studio fatto dal Environmental Health Investigations  ovvero dalla struttura governativa dello Stato della California preposta alle indagini ambientali, che - secondo informazioni acquisite - riportano forti preoccupazioni.

A fronte di dinieghi ricevuti da parte del governo statale, Moskowitz ha denunciato lo Stato della California ed Il Giudice della Corte Suprema ha imposto la pubblicizzazione.

Moskowitz  riporta le motivazioni che i  rappresentanti di questo ente hanno addotto per non ufficializzare:  
per non creare caos e preoccupazione alla pubblica opinione !!! 

vedere

http://www.saferemr.com/2017/03/cell-phone-safety-guidance-from.html  



Pubblicazioni scientifiche e qualità della ricerca

Interessante altro lavoro scientifico impostato per cercare di 'fare ordine' tra i tanti lavori di ricerca su EMF e salute.
Hanno selezionato da banche dati letteratura scientifica  22 studi epidemiologici per farne una meta-analisi.

Le conclusioni di ogni singolo articolo è stato correlato con la qualità metodologica adottata, chi era il finanziatore della ricerca, ...
Ad es. 14 lavori hanno riportato nessun incremento del rischio, ma quelli in cui evidenziavano un uso maggiore di 10 anni del telefono cellulare, l'indice del rischio diventava significativo.
Lavori valutati di bassa qualità metodologica concludevano con messaggi di nessun rischio ...


Gli autori concludono che le pubblicazioni più qualificate che hanno studiato i casi di tumori legati ad un uso più prolungato di 10 anni del telefono cellulare, confermano questa chiara relazione causale.




Mobile phone use and risk of brain tumours: a systematic review of association between study quality, source of funding, and research outcomes

Prasad M, Kathuria P, Nair P, Kumar A, Prasad K. Mobile phone use and risk of brain tumours: a systematic review of association between study quality, source of funding, and research outcomes. Neurol Sci. 2017 Feb 17. doi: 10.1007/s10072-017-2850-8. [Epub ahead of print]

Abstract

Mobile phones emit electromagnetic radiations that are classified as possibly carcinogenic to humans. Evidence for increased risk for brain tumours accumulated in parallel by epidemiologic investigations remains controversial. This paper aims to investigate whether methodological quality of studies and source of funding can explain the variation in results. PubMed and Cochrane CENTRAL searches were conducted from 1966 to December 2016, which was supplemented with relevant articles identified in the references. Twenty-two case control studies were included for systematic review. Meta-analysis of 14 case-control studies showed practically no increase in risk of brain tumour [OR 1.03 (95% CI 0.92-1.14)]. However, for mobile phone use of 10 years or longer (or >1640 h), the overall result of the meta-analysis showed a significant 1.33 times increase in risk. The summary estimate of government funded as well as phone industry funded studies showed 1.07 times increase in odds which was not significant, while mixed funded studies did not show any increase in risk of brain tumour. Metaregression analysis indicated that the association was significantly associated with methodological study quality (p < 0.019, 95% CI 0.009-0.09). Relationship between source of funding and log OR for each study was not statistically significant (p < 0.32, 95% CI 0.036-0.010). We found evidence linking mobile phone use and risk of brain tumours especially in long-term users (≥10 years). Studies with higher quality showed a trend towards high risk of brain tumour, while lower quality showed a trend towards lower risk/protection.

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28213724

Altra meta-analisi su cancro alla testa


In questo recentissimo lavoro tre ricercatori hanno studiato lavori epidemiologici più recenti rispetto alla ultima meta-analisi del 2009, adottando criteri selettivi per considerare solo lavori qualificati e ben documentati.
24 studi sono stati presi in considerazione con 27.000 ca casi e 50.000 controlli.

Le conclusioni sono impressionanti:  
- c'è una relazione causale tra uso di cellulare per più di 10 anni e tumore intracraniale
- un uso sistematico per più i 1640 ore porta ad un incremento del rischio di 2,5 volte per il neuroma
- altra correlazione con la età di inizio utilizzo sistematico con i tumori : addirittura arrivano a dimostrare che cominciare ad utilizzare il cellulare prima dei 20 anni dà una probabilità 4 volte superiore di avere il glioma (un tipo di cancro)



Mobile phone use and risk for intracranial tumors and salivary gland tumors - A meta-analysis

Bortkiewicz A, Gadzicka E, Szymczak W. Mobile phone use and risk for intracranial tumors and salivary gland tumors - A meta-analysis. Int J Occup Med Environ Health. 2017 Feb 21;30(1):27-43. doi: 10.13075/ijomeh.1896.00802. Epub 2017 Feb 13.

Abstract

Results of epidemiological studies on the association between use of mobile phone and brain cancer are ambiguous, as well as the results of 5 meta-analysis studies published to date. Since the last meta-analysis (2009), new case-control studies have been published, which theoretically could affect the conclusions on this relationship. Therefore, we decided to perform a new meta-analysis. We conducted a systematic review of multiple electronic data bases for relevant publications. The inclusion criteria were: original papers, case-control studies, published till the end of March 2014, measures of association (point estimates as odds ratio and confidence interval of the effect measured), data on individual exposure. Twenty four studies (26 846 cases, 50 013 controls) were included into the meta-analysis. A significantly higher risk of an intracranial tumor (all types) was noted for the period of mobile phone use over 10 years (odds ratio (OR) = 1.324, 95% confidence interval (CI): 1.028-1.704), and for the ipsilateral location (OR = 1.249, 95% CI: 1.022-1.526). The results support the hypothesis that long-term use of mobile phone increases risk of intracranial tumors, especially in the case of ipsilateral exposure. Further studies are needed to confirm this relationship.
Excerpts

The results obtained in the random effects model indicated that there was a significant relationship between mobile phone use for longer than 10 years and the risk of intracranial tumors (OR = 1.46, 95% CI: 1.07–1.98).

Because OR is significantly greater than 1 (OR = 1.25, 95% CI: 1.04–1.52), we can conclude that there is a significant relationship between the time from the first regular use of mobile phone of 10 years or more and the risk of intracranial tumors.

Since OR is greater than 1 (OR = 1.29, 95% CI: 1.06–1.57), there is a significant relationship between ipsilateral use of mobile phone and the risk of intracranial tumor.

We found a significant relationship between:
–– all intracranial tumors and all phone types; ipsilateral exposure;
–– all intracranial tumors and all phone types, when the time of mobile phone use was not shorter than 10 years;
–– all intracranial tumors and all phone types when the time from the first regular use of mobile phone was 10 years or more.

We are not able to compare our results with reference to different kinds of intracranial tumors (glioma, meningioma, acoustic neuroma) in relation to time of using mobile phones. A reliable analysis was not feasible because, in our opinion, the number of original works is too small.

Conclusions
Our results support
the hypothesis that long-term (over 10 years) use of mobile phones increases the risk of intracranial tumors, especially in the case of ipsilateral exposure. The same conclusions are valid for the work by Davis et al. (2013) [45], who reviewed papers on the association between the use of wireless (mobile and cordless) phones and intracranial tumors. Those authors stress that the risk of tumors in people who have used the phone for periods longer than 10 years is significantly elevated. In people who had started using the phone on a regular basis before they were 20 years old, the risk of ipsilateral glioma was found to be fourfold higher. Hardell et al. (2013) [46] stress the significance of the “lifetime exposure dose.” For an exposure of ≥ 1640 h, the risk of ipsilateral acoustic neuroma is 2.55 (95% CI: 1.5–4.4). 

These results are in concordance with the conclusion of the expert panel for the International Agency for Research on Cancer (IARC), that cell phones are possibly carcinogenic (Group 2B) [47]. More research is needed to confirm that electromagnetic fields emitted by mobile phones are carcinogenic to humans.

Open Access Paper: http://bit.ly/2m8Amwt

sabato 18 marzo 2017

Ho partecipato a un convegno a FG, presso l' Aula Magna Giurisprudenza,
in cui era ospite il presidente dell' ANM, dr. P.C. Davigo, al quale ho
espresso tutte le mie rimostranze sulle vicende antenne: trentennali
archiviazioni della magistratura, falsi rapporti dei pubblici ufficiali, uso di
energia elettrica in assenza di concessione edilizia e prestito della
stessa ad altre emittenti, mai indagati dalla magistratura. Antenna
militare abusiva dal 1971, allacciata ad un altro traliccio da cui trae
energia ed evasori della tassa ICI/IMU, di cui volevo parlare in maniera
riservata col Procuratore, non sono stato né ricevuto né è stato aperto un
fascicolo, per cui ho interessato la Procura Generale a Bari per la
settima volta, il Ministero della Giustizia e il CSM:
Dopo 25 anni, dissi ancora, i carabinieri hanno dichiarato di essere
incompetenti, e se la magistratura non li ha perseguiti, vuol dire che
anch'essa è controllata, esposta a pressioni.
Quando gli chiesi un appuntamento per riferirgli più dettagliatamente e mostrargli i documenti affinché mi desse un parere su come risolvere questa situazione
scandalosa mi ha risposto, alla presenza del pubblico numeroso, di
rivolgermi al suo successore, tale era l'imbarazzo che il suo volto
mostrava non sapendo cosa rispondermi.

lunedì 13 marzo 2017

Associazione di consumatori Romeni lancia campagna di informazione su CEM

Giunge sulla stampa internazionale  notizie su una campagna nazionale lanciata da una associazione di consumatori di questa Nazione sul pericolo che può derivare dalle radiofrequenze.

Vedere articolo in romeno 

Particolare attenzione è posta alla salute dei bambini, con i reconti scientifici e le prese di posizioni di associazioni, enti e governi.

Aggiungono istruzioni per ridurre l'impatto.